Archivi categoria: Articoli

Natale di Condivisione

Condivisione, un termine che è entrato nell’uso comune, quasi un modo per comunicare.
Ed effettivamente condivisione significa dividere con altri, fare parte con altri di un’idea, di un progetto, di un impegno, di una difficoltà, di una gioia, di una bella notizia, del proprio tempo…
Ma non è una scoperta del nostro tempo. Risale ad almeno due mila anni fa il più grande esempio di condivisione. Lo riconosciamo in Gesù Cristo. In lui Dio si è fatto uno di noi senza smettere di essere Dio. In lui la nostra umanità è stata divinizzata, senza essere annientata. In lui, uno di noi, ci è stata comunicata la vita stessa di Dio.
E’ questo il grande significato dell’evento che ricordiamo con il Natale. Un evento che ci tocca tutti, una condivisione che ci prende tutti e ci immerge nella vita di Dio.
Ci prende singolarmente, ma ci accomuna e fonda una nuova condivisione fra gli uomini, chiamati a condividere fra loro oltre alla stessa natura umana, anche la vita divina che Dio ci partecipa e anima la condivisione fra gli uomini.
Condivisione è il modo di vivere la vita nell’amore verso i fratelli. Non dare qualcosa per poi estraniarci da loro, ma dare e ricevere qualcosa che diventi comune a tutti:

nel tempo, nell’amicizia, nel servizio…

Un modo concreto di vivere la comunione e tutti può unire.
Nel Natale, in cui Dio assume un corpo come il nostro, e quindi una umanità come la nostra, troviamo le radici della condivisione a cui siamo chiamati, non solo del pane, ma delle gioie, dei dolori, dei problemi, del tempo…

Don Fiorenzo

Bella Mossa By BetterPoints

Carissimi,
come sapete anche quest’anno CASA SANTA CHIARA
ha partecipato all’iniziativa BELLA MOSSA .
L’iniziativa dura dal 1°aprile al 30 settembre di ogni anno e riguarda la possibilità, tramite l’utilizzo di una app, di guadagnare PuntiMobilità muovendosi in modo sostenibile e di spendere poi i punti in sconti su acquisti e\o beneficienza.
Quest’anno abbiamo anche creato la squadra aziendale

CASA SANTA CHIARA:

hanno aderito 26 persone di cui 17 collaboratori dipendenti e la squadra ha totalizzato 1.007.505 punti posizionandosi 4^ nella Sezione Aziende Medie Dimensioni. UN GRAN RISULTATO!!!

Infine diversi partecipanti hanno donato a CASA SANTA CHIARA PuntiMobilità per un equivalente di euro 582,17€.

Grazie quindi a tutti coloro che ci hanno donato i loro punti!
Ricordatevi che l’iniziativa ripartirà ad aprile 2019!

Il ringraziamento di Aldina Balboni al Nettuno d’oro

“Sono quasi spaventata, dico la verità, anche se le scelte che ho fatto sono scontate.

“Perché voi avreste fatto lo stesso se aveste incontrato una persona che aveva bisogno ed era alla ricerca di una casa e di un lavoro. Poi, dopo quella risposta, son venute tutte le altre scelte che abbiamo fatto.”

Tutto quello che si è fatto è stato realizzato sempre da una comunità, da un insieme di tante persone, di tanti volontari e anche adesso stiamo andando avanti grazie al grande apporto del volontariato e dei collaboratori che operano nei centri e nei gruppi famiglia i quali, pur non essendo volontari, lavorano con lo spirito del servizio. 
Quindi sia i gruppi famiglia che i centri hanno una marcia in più rispetto, perché a Casa Santa Chiara gli operatori hanno la sensibilità di vedere non solo la difficoltà dei nostri ragazzi, ma soprattutto l’umanità che c’è in ognuno di loro e l’affetto che essi riescono a dare a ciascuno di noi”.  
Signor Sindaco sono veramente commossa perché non credevo che per aver fatto queste cose dovesse esserci un premio. Io so che davanti a quello che ho fatto io c’è un gran numero di persone, di volontari che dedicano la loro vita a ciascuno di noi. Quindi non mi sembra che siano delle cose così eccezionali, soprattutto per un cristiano.
Aldina_Chicco_web_1 Continua la lettura di Il ringraziamento di Aldina Balboni al Nettuno d’oro

Servizio civile nazionale

 

Condivisione, integrazione, rispetto, passione, affetto, divertimento e quotidianità sono queste le parole chiave che caratterizzano la nostra esperienza all’interno di Casa Santa Chiara.
E’ con queste basi che i ragazzi si approcciano al percorso di Servizio Civile, il quale ha la durata di un anno ed è un impegno volontario che offre la possibilità di mettersi in discussione, di crescere e di inserirsi nel mondo del lavoro. 
È un anno che necessita di spirito di sacrificio, fatica e di tanta pazienza. Le emozioni e i risultati raggiunti però ripagano questi sforzi, rendendo il percorso formativo, coinvolgente e appagante. serviziocivile-paginaCasa Santa Chiara è come un grande albero con radici profonde radicate nel territorio; come una famiglia che accoglie, cresce e fortifica; come i primi mattoni di una casa che gettano le fondamenta di nuovi valori da condividere e promuovere. Essa dà l’opportunità ai ragazzi che vogliono intraprendere questo percorso di contribuire, ognuno in base alle proprie possibilità, alla realizzazione personale degli assistiti e di sostenerli nelle loro attività quotidiane affinché possano condurre una vita dignitosa e partecipativa raggiungendo una normalità e stabilità soggettiva e interiore. È un percorso consigliato per chiunque abbia voglia di mettersi in gioco e di sperimentare il mondo del lavoro avendo la possibilità di confrontarsi con personale qualificato che ti aiuta e ti sostiene anche negli errori.
Noi ragazzi siamo convinti della scelta fatta perché sappiamo che, qualsiasi strada ci preservi il futuro, questa esperienza sarà essenziale per il nostro bagaglio personale e professionale.

I ragazzi del Servizio Civile Nazionale

Sulla traccia di Aldina

“Vi raccomando i miei ragazzi… abbiate cura di loro….”,

erano le parole che Aldina ripeteva spesso nelle ultime settimane della sua esistenza terrena.
E’ l’impegno che ora risuona nella mente e nel cuore dei tanti amici che l’ hanno incontrata in quel periodo. Certo rimane, e continuerà a lungo, lo smarrimento della perdita, ma a quell’invito vogliamo dare una risposta concreta che può venire solo dall’ impegno di coloro che, collaboratori professionali o volontari, continueranno a dare operando perchè Sottocastello continui ad essere la casa dell’accoglienza durante le vacanze e affinchè nei gruppi famiglia e nei centri ci si prenda cura delle persone con la “laurea del cuore”, il titolo accademico più importante per Aldina. Continua la lettura di Sulla traccia di Aldina

Aldina Premiata con il Nettuno d’oro 2013

Amici di Casa Santa Chiara,
La Giunta comunale, su proposta del sindaco Virginio Merola, ha conferito il Nettuno d’Oro ad Aldina Balboni. Il premio viene assegnato a cittadini che abbiano onorato con la propria attività professionale e pubblica la città di Bologna; la cerimonia per la consegna del premio si è tenuta a Palazzo d’Accursio venerdì 10 maggio.
Di seguito la motivazione della Giunta:

Aldina Balboni è nata a Bologna nel 1931, dove ha sempre vissuto e lavorato. Nel territorio bolognese è molto conosciuta per la generosità e la caparbietà con cui, fin dal dopo guerra, ha saputo soste- nere e dare aiuto concreto alle persone con difficoltà o disa- bilità. Aldina ritira il Nettuno d'oroDopo un’esperienza in Azione Cattolica e, come responsabile, nel movimento giovanile delle ACLI, dove viene a contatto con i problemi delle giovani lavoratrici, avvia nel 1959 a Bologna la comunità di Casa Santa Chiara, accogliendo e vivendo con ragazze che, dimesse da istituti assistenziali, non avevano una casa e cercavano lavoro.
Le qualità umane di Aldina Balboni, la sua generosità e la sua dedizione verso le persone più bisognose di aiuto, in particolare gli adolescenti ed i giovani con problemi di ordine psichico, hanno portato alla creazione di piccoli gruppi a dimensione familiare, alternativi agli istituti assistenziali, e hanno favorito la nascita, nel territorio, di una rete vasta e articolata di strutture di accoglienza in grado di fornire concreto sostegno a numerosi giovani con disabilità anche gravi e alle loro famiglie. Continua la lettura di Aldina Premiata con il Nettuno d’oro 2013

Il mattino del Ponte

CERCASI NUOVI VOLONTARI PER UN NUOVO
STIMOLANTE PROGETTO !!

In genere si dice che … “il mattino ha l’oro in bocca”, per declamare la bellezza delle prime ore del mattino, quando la calma ci fa assaporare meglio il gusto della vita. Beh.. siccome a noi piacciono le
sfide, vogliamo cambiare un po’ il senso di questo detto e dimostrare che al mattino … è il Ponte che ha l’oro in bocca. E cerchiamo subito di spiegarci.
Da tantissimi anni Aldina ci stimolava a cercare di aprire le porte del nostro bellissimo centro per il tempo libero anche al mattino, in orari in cui, storicamente, il Ponte non ha mai funzionato. “Ci sono degli amici che verrebbero volentieri in centro a passare delle ore in nostra compagnia anche al mattino”, ci diceva Aldina “invece di restare chiusi in casa a non far niente”. Ci abbiamo pensato e ripensato.. la Provvidenza ha fatto il suo lavoro e … finalmente, eccoci qua. !!!

DAL 4 MAGGIO IL PONTE APRE AL MATTINO!!!

OBIETTIVI:
L’iniziativa, in linea generale, non vuole deviare dalla “missione” generale dell’associazione “Il Ponte di Casa Santa Chiara”, che, come tutti sapete, è quella di provvedere all’ animazione del tempo libero
di persone diversamente abili.
Per cui: innanzitutto, vogliamo dare un’ulteriore risposta all’esigenza di quelle famiglie che vivono al proprio interno l’esperienza della disabilità, di trovare un luogo dove i ragazzi che non lavorano possano passare il tempo. Dall’altro lato, si avverte sempre più l’esigenza di fornire una soluzione al problema vissuto da persone adulte che pur avendo avuto la fortuna di incontrare una struttura che assicurava il lavoro, hanno già raggiunto l’età della pensione.
I problemi che già la generalità delle persone avverte in questo momento della vita, si presentano con altrettanta forza per le persone disabili; per esse il pericolo della solitudine è sempre dietro l’angolo.
ATTIVITÀ:
Durante la prima parte della mattinata i ragazzi svolgeranno attività che a seconda delle loro potenzialità e delle esigenze giornaliere, non saranno solo ricreative ma che li impegnino a sviluppare i propri
hobby e le loro attitudini ad esempio dipingere, cucire, ricamare, ecc., ma anche tenersi in forma con attività fisica. La collocazione nel centro della città della nostra struttura ci permetterà di poter sfruttare tutte le iniziative culturali e di intrattenimento (musei, cinema, biblioteche….). Poi ci sarà il pranzo, ci si rilasserà un po’ e così le attività confluiranno con quelle del centro pomeridiano.
MODALITÀ:
Per portare avanti l’attività saranno presenti due operatori. E’ però necessario chiarire che un progetto come questo che stiamo facendo partire non potrà avere un futuro certo se non riusciremo a sviluppare la forza del VOLONTARIATO. Sarà necessaria, come al solito!!

E’ per questo che vi chiediamo con il cuore, se avete anche solo poche ore libere di una mattina a settimana di metterle a disposizione della nuova iniziativa.
E’ evidente che dati gli orari, dalle 9:00 alle 13:00 il lun-mar-mer-ven), forse c’è una maggiore possibilità per persone adulte.. Bene.. a noi va benissimo. Serve solo buona volontà e .. tanto cuore!!! Come al solito.. quello del volontariato!!!