La cooperativa sociale

Tradizione e innovazione

Covid – 19 Noi rispettiamo le regole

..A BOLOGNA DA 50 ANNI

Al servizio della comunità

CASA SANTA CHIARA è oggi una Cooperativa Sociale di tipo A che opera da più di 50 anni su Bologna e provincia, in collaborazione con i Servizi e le Istituzioni territoriali, per l’accoglienza di persone con disabilità e per il sostegno alle loro famiglie. Alla fine degli anni ’60 ALDINA BALBONI (1931-2016) dette inizio a questa esperienza per dare risposta ai bisogni delle persone con disabilità con il superamento del puro assistenzialismo e dell’istituzionalizzazione, puntando sopratutto sulla vita comunitaria, affermando la dignità di ogni persona e ponendo ciascuno nelle condizioni di poter amare ed essere amato.
Il grande impegno degli anni ’70 per avere una sempre maggiore e veritiera integrazione sociale portò Casa Santa Chiara all’apertura dei GRUPPI FAMIGLIA intese come case non solo fatte di mattoni, ma di calore, di relazioni, di condivisione, di servizio, dove ogni persona accolta trova il suo posto. A questo si aggiunse anche agli inizi degli anni ‘80 l’apertura anche dei CENTRI DIURNI con lo scopo di permettere a ciascuno di mettere in gioco le proprie potenzialità e rafforzare le proprie autonomie. Aldina riuscì fin dall’inizio a suscitare la generosità e l’impegno di tante persone che hanno permesso che il VOLONTARIATO diventasse per Casa Santa Chiara una risorsa fondamentale e qualificante, che ancora oggi viene incentivato offrendo soprattutto ai giovani questa opportunità con una rete di relazioni e collaborazioni che vede coinvolte le Scuole, l’Università, la Chiesa,il Centro Servizi per il Volontariato VOLABO.

 

Una bella storia da conoscere

La Cooperativa Casa Santa Chiara – oggi ONLUS – è stata costituita nel 1969 come Cooperativa Sociale (settore A e lavorazioni artigianali), per rappresentare giuridicamente l`allora nascente realtà di Casa Santa Chiara. Negli anni ha accompagnato la crescita della famiglia di Casa Santa Chiara, garantendone una corretta e trasparente gestione, secondo i principi dell’accountability, fino a raggiungere dimensioni ragguardevoli e contando anche numerosi dipendenti (180 ad oggi), che prestano la propria opera presso i Gruppi Famiglia, i Centri Diurni e gli uffici amministrativi. Tramite la Cooperativa vengono gestiti tutti i rapporti con gli Enti Locali, le Aziende Sanitarie e le Scuole. Oggi è associata a Confcooperative

1969

1° Gruppo Famiglia
Via Castiglione, 5

1969

Si costituisce la Cooperativa Casa Santa Chiara

1969 - 1973

Costruzione Casa per ferie a Sottocastello di Pieve di Cadore (BL)

1972

Conversione della Comunità Giovani Lavoratrici in 2 Gruppi Famiglia per persone con disabilità

1978 - 1991

Aprono tre Gruppi Famiglia in via Saragozza n° 103, n° 112 e due in via Nazario Sauro n° 38

1981

Apre il Centro per il tempo libero “Il Ponte”, prima in via Pescherie Vecchie, oggi in via Clavature n° 6.
Al 1979 risalgono però i primi ritrovi in via Nazario Sauro

1981

Apre il Centro diurno di Montechiaro
(Pontecchio Marconi)

1982

Apre il Centro agricolo artigianale di Colunga
(S. Lazzaro di Savena)

  • Nel 1999 sempre a Colunga, apre anche il Centro socio educativo
  • Nel 2016 i due centri si uniscono

1985

Apre il Centro educativo riabilitativo di Colunga (S.Lazzaro di Savena)
Nel 1996 verrà trasferito nel polo di Villanova di Castenaso prendendo il nome di Centro Educativo Riabilitativo “Chicco Balboni”

1990

Apre il Centro diurno di Calcara (Valsamoggia)

1996

Apre il Centro educativo riabilitativo  “Chicco Balboni”

2000 - 2008

Aprono due Gruppi Famiglia
Villanova ragazze
Villanova ragazzi

2008

Apre il Gruppo Famiglia del
Villaggio della Speranza

2011

Apre la Palestra Tino, Massimo e Tommy

2013

Apre la Comunità Alloggio Prunaro di Bubrio

2020

Posa della prima pietra per le nuove
strutture di Accoglienza a Villa Pallavicini

Il Consiglio di amministrazione

Presidente Emerito:

Mons. Fiorenzo Facchini

Presidente:

Paolo Galassi

Vice presidente:

Simona Martino

Consiglio di amministrazione:

Angela Turrini
Antonella Lorenzetti
Giuseppe Cremonesi
Milena Franzoni
Paola Taddia

Lo Statuto:

Uno stralcio dell’articolo 4
Art. 4 (Oggetto sociale)

Considerato lo scopo mutualistico, così come definito all’articolo precedente, nonché i requisiti e gli interessi dei soci come più oltre determinati, la Cooperativa ha come oggetto:
lo svolgimento, anche in convenzione, delle seguenti attività, socio/sanitarie e/o educative, che si estrinsecano nell’ :

  • a) aiutare le persone senza sostegno morale e materiale a provvedersi del vitto, dell’alloggio e delle più comuni necessità personali, del lavoro e della istruzione, in comunità di tipo familiare;
  • b) organizzare e gestire gruppi famiglia e centri semiresidenziali per persone portatrici di handicap sia in età evolutiva che in età adulta;
  • c) promuovere la costruzione di residenze per persone in situazioni di bisogno, gestirle in proprietà o in affitto;
  • d) costruire, acquistare, gestire o affittare mense, case per ferie e colonie in zone climatiche;
  • e) promuovere, organizzare, gestire attività formative e culturali rivolte allo sviluppo morale e professionale delle persone; attività ricreative e sportive per un miglior impiego del tempo libero;
  • f) condurre aziende agricole su terreni acquisiti in affitto, comodato, acquisto, donazione, legato, ecc.;
    svolgere ogni attività connessa alla coltivazione del fondo, compreso l’allevamento degli animali; commercializzare, anche previa confezione e trasformazione i prodotti ottenuti dalle colture e attività suddette;
  • g) produrre, lavorare, commercializzare manufatti in genere sia in proprio che per conto terzi, nonché prodotti derivanti da attività lavorative dei partecipanti all’attività sociale, sia a carattere artigianale che non

Prendi visione qui dello Statuto integrale

R

Il bilancio sociale

La realizzazione del bilancio sociale permette a CASA SANTA CHIARA SOCIETA’ COOPERATIVA SOCIALE di affiancare al “tradizionale” bilancio di esercizio, un nuovo strumento di rendicontazione che fornisce una valutazione completa (non solo economica, ma anche sociale ed ambientale) del valore creato dalla cooperativa.
Il bilancio sociale vuole rappresentare la complessità dello scenario all’interno del quale si muove la cooperativa e vuole rendere conto, ai diversi stakeholder, interni ed esterni, della propria missione, degli obiettivi, delle strategie e delle attività.

Bilancio Sociale 2020

Se vuoi contribuire alla realizzazione dei nostri progetti clicca qui

Se vuoi ricevere le nostre newsletter compila qui a fianco

Se vuoi ricevere le nostre newsletter compila qui sotto

La Cooperativa sociale

Tradizione e innovazione

Covid – 19 Noi rispettiamo le regole

..A BOLOGNA DA 50 ANNI

Al servizio della comunità

CASA SANTA CHIARA è oggi una Cooperativa Sociale di tipo A che opera da più di 50 anni su Bologna e provincia, in collaborazione con i Servizi e le Istituzioni territoriali, per l’accoglienza di persone con disabilità e per il sostegno alle loro famiglie. Alla fine degli anni ’60 ALDINA BALBONI (1931-2016) dette inizio a questa esperienza per dare risposta ai bisogni delle persone con disabilità con il superamento del puro assistenzialismo e dell’istituzionalizzazione, puntando sopratutto sulla vita comunitaria, affermando la dignità di ogni persona e ponendo ciascuno nelle condizioni di poter amare ed essere amato.
Il grande impegno degli anni ’70 per avere una sempre maggiore e veritiera integrazione sociale portò Casa Santa Chiara all’apertura dei GRUPPI FAMIGLIA intese come case non solo fatte di mattoni, ma di calore, di relazioni, di condivisione, di servizio, dove ogni persona accolta trova il suo posto. A questo si aggiunse anche agli inizi degli anni ‘80 l’apertura anche dei CENTRI DIURNI con lo scopo di permettere a ciascuno di mettere in gioco le proprie potenzialità e rafforzare le proprie autonomie. Aldina riuscì fin dall’inizio a suscitare la generosità e l’impegno di tante persone che hanno permesso che il VOLONTARIATO diventasse per Casa Santa Chiara una risorsa fondamentale e qualificante, che ancora oggi viene incentivato offrendo soprattutto ai giovani questa opportunità con una rete di relazioni e collaborazioni che vede coinvolte le Scuole, l’Università, la Chiesa,il Centro Servizi per il Volontariato VOLABO.

 

Una bella storia da conoscere

La Cooperativa Casa Santa Chiara – oggi ONLUS – è stata costituita nel 1969 come Cooperativa Sociale (settore A e lavorazioni artigianali), per rappresentare giuridicamente l`allora nascente realtà di Casa Santa Chiara. Negli anni ha accompagnato la crescita della famiglia di Casa Santa Chiara, garantendone una corretta e trasparente gestione, secondo i principi dell’accountability, fino a raggiungere dimensioni ragguardevoli e contando anche numerosi dipendenti (180 ad oggi), che prestano la propria opera presso i Gruppi Famiglia, i Centri Diurni e gli uffici amministrativi. Tramite la Cooperativa vengono gestiti tutti i rapporti con gli Enti Locali, le Aziende Sanitarie e le Scuole. Oggi è associata a Confcooperative

1969

1° Gruppo Famiglia
Via Castiglione, 5

1969

Si costituisce la Cooperativa Casa Santa Chiara

1969 - 1973

Costruzione Casa per ferie a Sottocastello di Pieve di Cadore (BL)

1972

Conversione della Comunità Giovani Lavoratrici in 2 Gruppi Famiglia per persone con disabilità

1978 - 1991

Aprono tre Gruppi Famigliain via Saragozza n° 103, n° 112 e due in via Nazario Sauro n° 38

1981

Apre il Centro per il tempo libero “Il Ponte”, prima in via Pescherie Vecchie, oggi in via Clavature n° 6.
Al 1979 risalgono però i primi ritrovi in via Nazario Sauro

1981

Apre il Centro diurno di Montechiaro
(Pontecchio Marconi)

1982

Apre il Centro agricolo artigianale di Colunga
(S. Lazzaro di Savena)

  • Nel 1999 sempre a Colunga, apre anche il Centro socio educativo
  • Nel 2016 i due centri si uniscono

1985

Apre il Centro educativo riabilitativo di Colunga (S.Lazzaro di Savena)
Nel 1996 verrà trasferito nel polo di Villanova di Castenaso prendendo il nome di Centro Educativo Riabilitativo “Chicco Balboni”

1990

Apre il Centro diurno di Calcara (Valsamoggia)

1996

Apre il Centro educativo riabilitativo  “Chicco Balboni”

2000 - 2008

Aprono due Gruppi Famiglia
Villanova ragazze
Villanova ragazzi

2008

Apre il Gruppo Famiglia del
Villaggio della Speranza

2011

Apre la Palestra Tino, Massimo e Tommy

2013

Apre la Comunità Alloggio Prunaro di Bubrio

2020

Posa della prima pietra per le nuove
strutture di Accoglienza a Villa Pallavicini

Il Consiglio di amministrazione

Presidente Emerito:

Mons. Fiorenzo Facchini

Presidente:

Paolo Galassi

Vice presidente:

Simona Martino

Consiglio di amministrazione:

Angela Turrini
Antonella Lorenzetti
Giuseppe Cremonesi
Milena Franzoni
Paola Taddia

Lo Statuto:

Uno stralcio dell’articolo 4
Art. 4 (Oggetto sociale)

Considerato lo scopo mutualistico, così come definito all’articolo precedente, nonché i requisiti e gli interessi dei soci come più oltre determinati, la Cooperativa ha come oggetto:
lo svolgimento, anche in convenzione, delle seguenti attività, socio/sanitarie e/o educative, che si estrinsecano nell’ :

  • a) aiutare le persone senza sostegno morale e materiale a provvedersi del vitto, dell’alloggio e delle più comuni necessità personali, del lavoro e della istruzione, in comunità di tipo familiare;
  • b) organizzare e gestire gruppi famiglia e centri semiresidenziali per persone portatrici di handicap sia in età evolutiva che in età adulta;
  • c) promuovere la costruzione di residenze per persone in situazioni di bisogno, gestirle in proprietà o in affitto;
  • d) costruire, acquistare, gestire o affittare mense, case per ferie e colonie in zone climatiche;
  • e) promuovere, organizzare, gestire attività formative e culturali rivolte allo sviluppo morale e professionale delle persone; attività ricreative e sportive per un miglior impiego del tempo libero;
  • f) condurre aziende agricole su terreni acquisiti in affitto, comodato, acquisto, donazione, legato, ecc.;
    svolgere ogni attività connessa alla coltivazione del fondo, compreso l’allevamento degli animali; commercializzare, anche previa confezione e trasformazione i prodotti ottenuti dalle colture e attività suddette;
  • g) produrre, lavorare, commercializzare manufatti in genere sia in proprio che per conto terzi, nonché prodotti derivanti da attività lavorative dei partecipanti all’attività sociale, sia a carattere artigianale che non

Prendi visione qui dello Statuto integrale

R

Il bilancio sociale

La realizzazione del bilancio sociale permette a CASA SANTA CHIARA SOCIETA’ COOPERATIVA SOCIALE di affiancare al “tradizionale” bilancio di esercizio, un nuovo strumento di rendicontazione che fornisce una valutazione completa (non solo economica, ma anche sociale ed ambientale) del valore creato dalla cooperativa.
Il bilancio sociale vuole rappresentare la complessità dello scenario all’interno del quale si muove la cooperativa e vuole rendere conto, ai diversi stakeholder, interni ed esterni, della propria missione, degli obiettivi, delle strategie e delle attività.

Bilancio Sociale 2020

Se vuoi contribuire alla realizzazione dei nostri progetti clicca qui

Se vuoi ricevere le nostre newsletter compila qui a fianco

Se vuoi ricevere le nostre newsletter compila qui sotto