Il Giornalino n° 56 Giugno 2022

30 - Giu - 2022 | Il Giornalino

Il Centro di Calcara compie 30 anni.

Un importante traguardo che per noi oggi significa un arrivo e nello stesso tempo un inizio, una nuova partenza, una prospettiva futura di nuove relazioni ed amicizie, di altri progetti e attività. Saremo infatti i destinatari del nuovo “Centro Aldina Balboni” la cui costruzione è in dirittura di arrivo all’interno del complesso di Villa Pallavicini.

Il 7 giugno, a Sasso Marconi, si è inaugurato un giardino inclusivo; la dedica ad Aldina è un importante riconoscimento alla sua vita generosa, sempre ispirata alla solidarietà e al Vangelo. Le parole che sono state apposte su una targa sono la sintesi di un’esistenza feconda che ha arricchito tante persone e che continua nelle attività di Casa Santa Chiara.

ALDINA BALBONI (1931-2016)

Aldina Balboni ha dedicato la propria vita alle persone fragili e svantaggiate.
A lei si deve la nascita di Casa Santa Chiara, una delle cooperative sociali più importanti del territorio bolognese: tappa fondamentale di un cammino iniziato alla fine degli anni ’50, durante il quale Aldina ha costruito una rete di gruppi famiglia e Centri socioeducativi in cui accogliere ragazzi con disabilità e offrire sostegno alle loro famiglie.
Uno di questi Centri si trova a Sasso Marconi, sulle colline di Montechiaro. Attivo dal 1981, fu il primo Centro riabilitativo diurno aperto da Aldina Balboni: una struttura che, attraverso la condivisione, il lavoro quotidiano e un’educazione improntata al rispetto della vita e della persona, ha saputo proporsi come un efficace modello di accoglienza e inclusione sociale, offrendo a tanti ragazzi la possibilità di integrarsi sul territorio e sviluppare le proprie capacità cognitive, affettive e relazionali.
Con la sua attività, che ha mosso i primi passi in un periodo storico segnato da forti contrasti e tensioni sociali, Aldina ha saputo dare una risposta innovativa all’inclusione delle persone con disabilità psichica e comportamentale, proponendo un modello alternativo a quello degli Istituti assistenziali. Tratti distintivi delle strutture nate grazie al suo impegno sono infatti il clima familiare, la capacità di valorizzare le relazioni e riconoscere la dignità personale: a muovere Aldina era la convinzione che ogni persona fosse amata da Dio e andasse sostenuta nella sua realizzazione offrendo una casa, un lavoro e uno spazio per il tempo libero.
Su una panchina è stata incisa una frase che Aldina ripeteva per sottolineare l’ importanza del lavoro o di un’attività nella vita di ognuno, anche delle persone più fragili:

“Beato chi la mattina sa cosa fare e dove andare”

Paolo Galassi

Qui la copia integrale del giornalino con altri articoli molto interessanti al suo interno

Seguici su FACEBOOK per condividere progetti, iniziative, attività della Comunità:
qui hai anche la possibilità di dialogare e confrontarti.

Altre pubblicazioni di Il Giornalino che potrebbero interessarti:
Il Giornalino n° 59 Natale 2023

Il Giornalino n° 59 Natale 2023

Grazie a ognuno di voi per essere qui oggi, in questa giornata speciale in cui ricordiamo Chiara di Assisi e anche i cinquanta anni di apertura di questa casa.Ringraziamo di cuore, per una visita che ci fa felici, il nostro vescovo Matteo, e il sindaco di Pieve che ci...

Il Giornalino n°58 Estate 2023

Il Giornalino n°58 Estate 2023

Gran Galà del Ponte Cosa serve perché un evento superi ogni aspettativa? Un’idea nata tra amici, tanti volontari disposti ad impegnarsi per metterla in pratica, un cuoco d’eccezione, l’aiuto di artisti, musicisti, persone esterne che credano nel progetto... ma  anche...

Il Giornalino n° 57 Natale 2022

Il Giornalino n° 57 Natale 2022

 LA CONDIVISIONE, DONO DEL NATALE. L’evento del Natale del Signore Gesù è il segno che Dio vuole condividere la condizione e l’esperienza dell’umanità da lui voluta sulla terra. Non gli è bastato avere creato l’uomo, né Dio l’ha abbandonato dopo averlo creato,...

Se vuoi ricevere le nostre Newsletter compila il form qui sotto

Il Giornalino n° 26 Dicembre 2011

Natale alla Bottega dei Ragazzi!!Tra le più originali vetrine della solidarietà c’è quella della Bottega dei Ragazzi di Casa Santa Chiara, che offre oggetti davvero particolari venduti nello spazio aperto in via Morgagni 9/d e realizzati dai ragazzi dell’Aldina, la...

Il Giornalino n° 53 Aprile 2021

Nel giorno del compleanno di Aldina. Quando con Aldina, prima della malattia che la portò alla morte, si decise di cercare una nuova sede per il centro di Casa S.Chiara di Calcara, non si pensò subito a Villa Pallavicini, dove già aveva trovato accoglienza un nostro...

Newsletter n° 2 – 2020

AFFIDIAMOCI A MARIA Cominciare ad uscire dalla pandemia con il mese di maggio lo considero di buon auspicio. Amo vedere una bella coincidenza, anche se il cammino durerà oltre il mese. La storia è ricca di eventi che hanno segnato la fine di calamità, legata o...

60 Anni di sacerdozio di Don Fiorenzo

Don Fiorenzo Facchini, nostro assistente spirituale, lo scorso 25 luglio ha ricordato i suoi primi 60 anni di sacerdozio. Buona parte del suo impegno pastorale è stato dedicato a Casa Santa Chiara.Ci viene naturale domandargli:Come e quando hai conosciuto e avvicinato...

Ricordi di Aldina

“Mamma di chi non ha mamma” Eravamo nel 1973. Casa S.Chiara stava assumendo le caratteristiche attuali attraverso i gruppi famiglia. La comunità di giovani lavoratrici di via Pescherie Vecchie, 1 era stata chiusa per fare posto a due gruppi famiglia, uno dei quali si...

Il mattino del Ponte

CERCASI NUOVI VOLONTARI PER UN NUOVO STIMOLANTE PROGETTO !! In genere si dice che … “il mattino ha l’oro in bocca”, per declamare la bellezza delle prime ore del mattino, quando la calma ci fa assaporare meglio il gusto della vita. Beh.. siccome a noi piacciono...

Newsletter n° 7 – 2020

PREMIO NETTUNO D'ORO A DON FIORENZO Per tutti noi è don Fiorenzo. Lo abbiamo sempre visto accanto all'Aldina e successivamente prenderne il posto come principale riferimento della nostra grande famiglia. E' anche il sacerdote che da sempre e' la nostra guida...

Newsletter n° 4 – 2021

Il 5x1000 di questo anno sarà destinato al miglioramento della casa per ferie di Sottocastello per renderla sempre più accogliente vignette di Vincenzo Cosmi Il 5x1000 è la quota dell'imposta IRPEF che lo Stato italiano ripartisce per dare sostegno agli enti che...

Un caffè può far bene

Datalogic Spa sostiene la Cooperativa Casa Santa Chiara grazie a una card da 10 caffè che i propri dipendenti potranno utilizzare presso il bar della mensa. L’intero ricavato verrà devoluto alla nostra Cooperativa per le sue attività; lavoriamo affinché questa scelta...

Il Giornalino n° 31 Ottobre 2013

Celebrazioni in Cadore: Sottocastello compie 40 anni Sottocastello di Cadore da Casa S. Chiara nel corso di tre estati con l'opera di giovani volontari provenienti da varie parti d'Italia e di Europa, è l'evento ricordato lo scorso Agosto a Pieve di Cadore nella sala...