albero_colori-csc

home

Le iniziative di Casa S.Chiara sono rivolte a persone con disabilità intellettive, con particolare attenzione a quelle prive di nucleo o di adeguato appoggio familiare. L’obiettivo primario è quello di assicurare il pieno ed uguale godimento di tutti i diritti e di tutte le libertà da parte delle persone con disabilità, promuovendo le loro potenzialità attraverso la creazione di opportunità lavorative e di inclusione sociale.

Le attività principali attraverso le quali persegue il proprio obiettivo sono i Gruppi Famiglia, che garantiscono un’ambiente familiare nel quale coltivare il proprio progetto di vita indipendente, i Centri Diurni, per l’inserimento lavorativo e la riabilitazione, e le attività per le Vacanze e il Tempo Libero, per l’inclusione sociale. Una Comunità Alloggio risponde invece ai bisogni delle persone con disabilità diventate anziane.

Fin dal 1959, anno dalla sua fondazione, Casa Santa Chiara pone la persona al centro dei propri interventi, adottando un approccio basato sui diritti umani che le ha permesso di realizzare forme di intervento sociale innovative, anticipando soluzioni oggi diffuse.

Casa S. Chiara sente da sempre la necessità di divulgare elementi di innovazione nel modo di leggere e intervenire sulle diverse tematiche che riguardano la disabilità. Per questo è impegnata anche nel sensibilizzare la società civile e la comunità territoriale, promuovendo il cambio di prospettiva culturale, giuridica e scientifica introdotto dalla Convenzione delle Nazioni Unite sui Diritti delle Persone con disabilità, ratificata dall’Italia nel 2009.

La sede è a Bologna, ma le attività si estendono in diversi comuni della provincia bolognese, dove collabora con i Servizi e le Istituzioni del territorio. Casa S. Chiara promuove e valorizza il Volontariato presso le proprie attività, in quanto da sempre considerato una risorsa sociale fondamentale. Oltre al Servizio Civile Volontario, collabora con le Scuole per le Borse Lavoro Estive e per la realizzazione di stage. La Cooperativa Sociale e l’Associazione di Volontariato sono i due strumenti operativi principali.

Il 13 maggio del 2013 il sindaco di Bologna, Virginio Merola, ha consegnato ad Aldina Balboni (1931-2016), fondatrice di Casa S. Chiara, il “Nettuno d’oro”, il riconoscimento per i cittadini che hanno onorato, con la loro attività professionale e pubblica, la città di Bologna. Nel territorio bolognese, come riporta la motivazione per il Nettuno d’oro, Aldina era molto conosciuta per la generosità e la caparbietà con cui, fin dal dopoguerra, ha saputo sostenere e dare aiuto concreto alle persone con disabilità e in difficoltà.