Calcara

Il Centro Socio-Educativo di Calcara inizia la sua storia nel Settembre del 1992 con un piccolo gruppo di persone: 3 educatori, 1 obiettore e 5 giovani disabili (trasferiti dal Centro Artigianale di Colunga e dal Centro Educativo Riabilitativo Chicco), con lo scopo di offrire percorsi educativi e formativi specifici per una fascia di età giovane-adulta.
Come definito nel Progetto la finalità operativa è quella di creare filoni educativi differenziati che, sulla base dei bisogni di ciascuno, attraverso l’impostazione per piccoli gruppi di lavoro con una approccio dall’abilitativo-formativo al lavorativo, ne consideri le autonomie e le capacità oltrechè la possibilità di sviluppo.Calcara_teatro
La struttura che ci accoglie è il vecchio asilo parrocchiali di Calcara, ubicato nel cuore del paese a fianco della chiesa.
Questa felice posizione ci permette di vivere meglio e più direttamente la dimensione della socialità integrata attraverso la spesa nei negozi vicini, l’utilizzo della ludoteca comunale, dell’ufficio postale, le passeggiate nei parchi circostanti, l’amicizia con diversi volontari e tirocinanti che abitano in paese e nei paesi vicini.
In linea con lo stile della cooperativa, la presenza di una cuoca che ci prepara giornalmente il pasto e di una signora per i servizi di cura dei locali concorrono a costruire quella dimensione di comunità, accogliente e serena.
Dal ’92 ad oggi il Centro è cresciuto molto sia rispetto alle proposte laboratoriali e alle esperienze socio-educative, sia rispetto al numero delle persone che lo frequentano: attualmente infatti sono presenti 14 educatori e 18 ragazzi, tre dei quali solo per alcuni giorni della settimana poiché ancora in età scolare.calcara.apparecchiare

LE FINALITA’
L’obiettivo prioritario del Centro è il mantenimento del benessere psico-fisico dei ragazzi accolti, per cui la proposta educativa è tesa a fornire loro gli strumenti necessari ad una più adeguata gestione della propria vita quotidiana. Il coinvolgimento di ciascuno nei ritmi delle mansioni quotidiane (apparecchiare, lavare i piatti, asciugare…), delle mansioni di responsabilità (attività di lavanderia, servizio a tavola..), nei percorsi di autonomia della cura di sé (vestirsi, svestirsi, lavarsi…) permette il consolidamento delle proprie capacità, fornisce un sostegno all’autostima e rafforza un’ identità personale e sociale.Calcara_spesa
La scelta delle proposte laboratoriali e delle attività si avvale dell’analisi dei bisogni specifici di ciascuno e dell’osservazione partecipata, che aiuta a calibrare gli interventi e le strategie educative lungo il percorso dell’anno.
Calcara_redazione_giornalino_1 Lo strumento privilegiato, sia per le potenzialità molto diverse che i ragazzi presentano che per le finalità stesse del Centro, è costituito dalla RELAZIONE INTERPERSONALE la quale permette di stabilire un contatto comunicativo ed un rapporto che cerca di rispondere a tutte le esigenze individuali (per approfondimento si veda il Progetto).
In un ottica di presa in carico complessiva della persona, il Centro cerca di promuovere occasioni stabili di convivenza e socializzazione nel mondo esterno, di partecipazione a proposte culturali e di tempo libero, di mantenere rapporti con il volontariato tramite impegni programmati e occasionali.
Sono quindi esperienze significative e formative in tal senso le uscite a piccoli gruppi per andare a vedere gli spettacoli del Teatro per ragazzi; l’attività di lettura all’interno degli spazi della biblioteca comunale; la gestione delle vendite dei prodotti della cooperativa al negozio “La Bottega dei Ragazzi”; le serate al cinema, al bowling e in pizzeria; gli stage all’interno delle scuole elementari dove ci chiamano a insegnare le fasi di realizzazione di alcuni prodotti (la carta riciclata, le candele) che rappresenta un’occasione straordinaria per evidenziare le diverse abilità maturate e vederle riconosciute.